lunedì 30 gennaio 2017

+ + + ULTIMA ORA + + +"Il Pd è al capolinea, ecco le colpe di Renzi, D'Alema e Bersani": bordata micidiale

Il Pd? "Un partito al capolinea". A parlare, intervistato dalla Stampa, è Emanuele Macaluso, 93 anni, memoria storica della sinistra italiana. Già nella segreteria del Pci con Togliatti, Longo e Berlinguer, poi direttore di Unità e Riformista, rivendica oggi quanto detto al momento della fusione tra Ds e Margherita: "Due partiti al capolinea, se si fondono, al capolinea restano. E così è successo".
"Fino a quando ha prevalso il vecchio gruppo che aveva origini nel Pci - D'AlemaBersaniVeltroni - il Pd ha avuto un po' di solidità, ma questo gruppo dirigente ha sottovalutato la parte proveniente dalla Dc, che si è ricompattata - spiega Macaluso -. E come nasce Renzi? Dal fallimento di D'Alema e Bersani, dalla loro incapacità di essere davvero gruppo egemone. Nasce soprattutto dall'insuccesso elettorale e di leadership di Bersani, che, intendiamoci, è anche una brava persone, è stato un bravo ministro. E pure D'Alema è stato un buon ministro, non come Bersani, ma buono. E loro due non possono adesso tirarsi fuori dalla storia del Pd, dal suo fallimento. D'Alema è uno dei massimi responsabili".

Capitolo Matteo Renzi: "Lui era una speranza per un mondo che la politica non ha compreso, ma è stata una speranza andata delusa perché Renzi a quel mondo non ha dato risposte. Ora intanto non può andare a votare. Se voleva andare a votare doveva dirlo al capo dello Stato subito dopo essersi dimesso. Il Governo lo ha voluto e sostenuto, non può buttarlo a mare quando gli pare, non è da statista". Alla base di tutto, però, ci sarebbe lo scontro di poltrone con D'Alema: "Renzi gli ha promesso un posto di commissario europeo e poi certo, bugiardo contro bugiardo ha prevalso il bugiardo più grosso".

FONTE: http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/12289679/macaluso-pd-capolinea-colpe-renzi-d-alema-bersani-bugiardi-.html

2 commenti:

  1. i pidocchi faranno la fine che meritano per aversi venduto ai poteri forti!

    RispondiElimina
  2. Il Pd ha il serbatoio di voti nella scuola e nella pubblica amministrazione. Ma dalla cultura scolastica escono ragionieri e non economisti. E si continua ad usare ricette antiche e tramandate nei libri di testo chiudendo gli occhi per non vedere la realtà

    RispondiElimina